12Oct2017

Dormire ti fa bella

Mentre dormiamo sembriamo immobili e inattivi, ma in realtà siamo occupati in una moltitudine di attività fondamentali per il corpo e la mente. E’ questo infatti il momento in cui l’organismo “fa le pulizie e ricostruisce”. Lo fa sia sul piano mentale, rielaborando tramite i sogni le informazioni ricevute durante la giornata, che sul piano fisico rimpiazzando i tessuti danneggiati con nuovi tessuti grazie al meccanismo della rigenerazione cellulare.
Detto con parole più semplici, è soprattutto mentre dormiamo che il nostro organismo rimpiazza le vecchie cellule con nuovi tessuti, più giovani.
Infatti, dormendo, il metabolismo della pelle accelera e mette in atto i suoi meccanismi di riparazione: si riduce il degrado delle proteine ed aumenta la produzione di cellule nuove che si mettono al lavoro per riparare i danni dei fattori esterni (luce solare, inquinamento, …) e dei fattori interni (radicali liberi). Aumenta la produzione di fibre di collagene ed elastina che reintegrano le perdite subite durante il giorno. Inoltre di notte la pelle recupera l’idratazione mentre smaltisce le scorie.
 
AUMENTA LA RADIANZA
Ma questa non è l’unica ragione per cui dormire bene rende più belle. Il sonno è il principale meccanismo con cui ci ricarichiamo di energia: più siamo pieni di energie più abbiamo un aspetto sano, vitale e più luminoso: abbiamo ciò che si chiama radianza, ovvero la capacità di far trasparire all’esterno il nostro benessere interiore. La radianza è una delle caratteristiche delle persone più affascinanti o carismatiche.
Quando il nostro livello di energia è alto grazie a un sonno adeguato, la nostra postura è più eretta, lo sguardo è più acceso e ci muoviamo con più sicurezza, mentre avrai sicuramente presente come cambia il nostro aspetto dopo una notte in bianco: lo sguardo è più spento, le occhiaia più pronunciate, la pelle è più atona e la postura è più chiusa.
 
Un buon sonno è davvero uno degli elementi essenziali di una routine di bellezza, in abbinamento ad un’alimentazione sana, a una buona funzionalità intestinale, a un’adeguata attività fisica e all’uso di cosmetici naturali ad alta concentrazione di principi attivi.
 
MA COSA SIGNIFICA DORMIRE BENE?
Un buon sonno si compone di due elementi:
1) Bisogna dormire un numero adeguato di ore.
2) Bisogna che il sonno sia profondo ed ininterrotto.
 
Non c’è un numero di ore predefinito che occorre dormire. Il numero di ore:
  • varia da persona a persona: alcune persone necessitano di meno ore di sonno rispetto ad altre;
  • varia in base all’età: più l’età avanza, meno ore di sonno sono necessarie;
  • varia anche in base alle nostre attività: quando attraversiamo periodi di maggior impegno fisico (ad esempio uno sportivo che aumenta gli allenamenti) o mentale (problemi imprevisti da dover gestire o lunghi periodi stressanti) l’organismo ha bisogno di più ore di sonno per recuperare il maggior impegno energetico. In quei periodi aumenta lo stress ossidativo e un incremento delle ore di sonno da all’organismo la possibilità di “riparare” i suoi danni.
 
QUESTIONE DI QUALITA'
Ancora più importante della quantità del sonno è importante la qualità del sonno. E’ meglio dormire meno ore ma in modo profondo ed ininterrotto, piuttosto che dormire più ore ma di qualità più bassa. A volte capita di dormire tante ore ma poi ci si sveglia ancora stanchi. Questo significa che il sonno è stato di bassa qualità, ad esempio perché abbiamo portato con noi nel letto le tensioni della giornata appena terminata, oppure perché la sera prima abbiamo mangiato cibi non adatti a noi e lo sforzo digestivo si è protratto durante la notte. Oppure accade a causa di cambiamenti ormonali repentini: ad esempio nel periodo che segna l’arrivo della menopausa è molto frequente avere risvegli notturni a causa del caldo o in preda ad un’irrequietudine interiore.
 
Per quanto si creda che la qualità del sonno sia un elemento che non dipende da noi, in realtà possiamo fare tantissimo per migliorarla.
Ci sono tante abitudini e tanti accorgimenti che permettono di preparare l’organismo al sonno e metterlo nelle migliori condizioni per dormire bene:
 
1) L’igiene del sonno, ovvero eliminare i piccoli errori che ostacolano il sonno, come addormentarsi con la tv accesa, bere il caffè di sera, fare attività fisica intensa tardi la sera, ecc…
2) Con la fitoterapia: tisane o estratti a base di valeriana, lavanda e melissa sono un valido aiuto. Anche l’inalazione a secco di olio essenziale di lavanda prima di coricarsi ha un effetto estremamente calmante sul sistema nervoso.
3) Con tecniche di rilassamento: praticate nel momento in cui si va a letto, hanno la capacità di svuotare la testa dai pensieri e di arrivare il sistema nervoso parasimpatico, ovvero quella parte del sistema nervoso autonomo che calma i ritmi vitali: il ritmo cardiaco, respiratorio e la tensione muscolare diminuiscono, l’organismo si rinfresca e ciò è molto utile sia per non portarci nel letto i pensieri e le tensioni della giornata, sia per ridurre gli effetti collaterali delle variazioni ormonali.
4) Rispettando il ritmo circadiano: se andiamo a letto e ci svegliamo ad orari regolari, il corpo riesce a sincronizzarsi su un ritmo di sonno/veglia. In parole semplici, l’organismo sa quando è ora di stare sveglio e quando è ora di dormire e non cerca di svegliarsi durante la notte.
 
Siamo abituati a prenderci cura dell’alimentazione con la dieta, della pelle con i cosmetici, del corpo con l’attività fisica. Ma pochi si prendono cura del sonno anche se, in realtà, sarebbe uno dei più importanti alleati non solo per la propria bellezza, ma anche per il proprio benessere.
 
 
---------------------------------
Tommy Serafini si occupa di metodi naturali per migliorare la condizione psicofisica, il benessere e la propria efficacia in ogni area della vita. E' l’autore di Notti Serene, un metodo di auto-aiuto dedicato a migliorare la qualità del sonno e a risolvere problemi di insonnia.
Collabora con Alchimia Natura.
12Sep2017

come prendersi cura del viso dopo le vacanze

Dott.ssa M. Elena Setti

 

Dopo le vacanze, il nostro viso appare abbronzato, dal colorito più sano e rilassato, ma molto spesso compaiono nuove macchie, qualche rughetta in più e soprattutto la pelle è meno idratata e spesso meno luminosa.

Cosa possiamo fare?

Per prima cosa dobbiamo detergere la pelle con detergenti delicati, ricchi di vitamine, antiossidanti, oli nutrienti, ma senza essere troppo pesanti se c’è ancora caldo. Ideale è utilizzare detergenti a base di tensioattivi vegetali, olio di vinaccioli antiossidante, mirtillo nero dall’azione lenitiva e anti-age.

E’ importante detergere la pelle sia mattino che sera, anche se siamo struccate, lo smog, il sudore, la polvere non sono amici della bellezza e della salute della nostra pelle.

Anche se sembra strano, per mantenere un bel viso abbronzato e una pelle luminosa bisogna fare uno scrub delicato una volta alla settimana, non toglierà l’abbronzatura, ma anzi, la prolungherà e permetterà di avere una pelle morbida e più reattiva ad accogliere i trattamenti di bellezza successivi.

E’ bene esfoliare delicatamente la pelle del viso, collo e décolleté con prodotti ricchi di zuccheri idratanti, burri nutrienti, principi attivi antiossidanti come gli estratti dell’uva nera, ricchi di polifenoli che aiutano anche il microcircolo.

Dopo l’esfoliazione, è utile utilizzare un tonico delicato a base di NMF naturale vegetale, ricco di Sali minerali, acidi organici, zuccheri, Aloe vera idratante, Rosa lenitiva e calmate.

Consiglio un siero urto a base di vitamina C per contrastare le macchie che si sono formate e una crema viso ricca di vitamine C ed E, con estratto di Olivello spinoso che aiuta a schiarire le macchie ed è ricco di beta -carotene per mantenere più a lungo la tintarella. Anche gli estratti di Uva nera, contenenti resveratrolo, sono ottimi per illuminare la pelle, uniformare il colorito e contrastare la formazione dei radicali liberi.

L’olio di Rosa Mosqueta è un ottimo rimedio per pelle secca, poco elastica, rughe profonde e desquamazioni, che spesso posso segnare il nostro viso dopo lunghe esposizioni solari.

L’oleolito di Iperico, se usato regolarmente, aiuta a schiarire efficacemente le macchie scure, ottimo per le pelli mature e senescenti, può essere mescolato alla crema viso per un effetto nutriente maggiore oppure può essere massaggiato alla sera, su tutto il viso, compreso il contorno occhi.

Una maschera ricca di olio di Canapa elasticizzante e nutriente, olio di Carota, beta-carotene e vitamina C completa il nostro trattamento di fine estate-autunno per donare maggiore turgore alla pelle, idratazione e tonicità.

Ricordiamoci che è importante prendersi cura della nostra pelle in questi cambi stagione, in modo da averla sempre sana e luminosa.

 

Se volete provare alcuni prodotti della Linea Alchimia Natura ideali per schiarire le macchie, illuminare il viso adatti per la fine estate e l’autunno, vi lascio i link qui sotto:

Bacco Di…Vino detergente 

Bacco Di…Vino crema viso 

Bacco Di…Vino scrub viso 

Oleolito di Iperico 

Olio di Rosa mosqueta 

Canapa Maschera  

Vitamina C siero 

Vitamina C crema viso



3Aug2017

Quando con l’abbronzatura vengono fuori quelle macchioline bianche sulla pelle…cosa sarà? Parliamo del Fungo di mare

Dott.ssa Maria Elena Setti

La pelle a pois bianchi è un regalo del cosiddetto “fungo di mare”, chiamato così perché di solito ce ne accorgiamo con l’abbronzatura, in realtà il nome scientifico di questa patologia è Pityriasis versicolor, che non c’entra nulla con il mare, ma è un fungo della pelle, non contagioso, che blocca la formazione di melanina, responsabile dell’abbronzatura e che si nota di più in estate.

Il nome “versicolor” significa che cambia colore, infatti d’estate le macchie sono bianche, mentre d’inverno sono rosa-marrone e spesso pruriginose.

cerca nel blog

SCARICA GRATIS IL CORSO

come leggere un'etichetta - ingredienti dannosi

Cliccando su INVIAMI IL CORSO si accettano le condizioni sulla PRIVACY.

archivio

Leggi tutti gli articoli

pelle
lavanda
capelli
oli essenziali
oli
massaggio
profumo
maschera
pelle sensibile
cosmesi

torna
indietro
sfoglia
archivio